Aprire una lavanderia a gettoni: quanto conviene e quali sono i costi da sostenere

Se stai valutando l’idea di avviare un’attività imprenditoriale, una cosa interessante da sapere, è che tra le alternative presenti oggi sul mercato, quella di aprire una lavanderia a gettoni è sicuramente una tra le più interessanti.

Se fino a qualche anno fa era considerato un settore ad alto rischio in quanto la richiesta era pressoché minima, oggi possiamo tranquillamente affermare, che investire in una lavanderia a gettoni si presenta come una vera e propria opportunità, non solo per la crescente e continua richiesta di questo servizio, ma anche grazie alla portata degli investimenti necessari per avviarla, che possiamo definire decisamente contenuti e accessibili.

Quindi se stai valutando di avviare un’attività imprenditoriale, e non avevi pensato ad una lavanderia a gettoni, sei nel posto giusto. Continua a seguire, perché cercheremo di approfondire tutti gli aspetti necessari, come costi, procedure e ricavi.

Come aprire una lavanderia self service

Partiamo dall’inizio e cerchiamo innanzitutto di capire come aprire una lavanderia a gettoni. Tralasciando l’iter burocratico e i documenti necessari che vedremo in seguito, quando decidiamo di avviare una qualsiasi attività, compresa una lavanderia a gettoni,
le cose che dovremmo aver chiare fin dall’inizio sono: il tipo di clientela, la giusta location e che genere di servizio vogliamo offrire. Quest’ultimo prevede anche di conoscere e capire quali attrezzature e macchinari dovremmo acquistare. Ma andiamo per gradi.

Conoscere la propria clientela, significa capire in principio chi saranno i fruitori principali del nostro servizio, in questo caso sappiamo che, le lavanderie a gettoni, sodo diffuse e maggiormente richieste nelle grandi città, dove c’è un gran numero di studenti, lavoratori fuori sede, e piccole attività come B&B e affittacamere. Difficilmente questo servizio viene proposto alle famiglie, in quanto ognuna possiede una lavatrice in casa.

Strettamente legata al primo punto, è la scelta della location. Ovviamente come si intuisce, la miglior posizione dove aprire una lavanderia a gettoni, sarà al centro, o quanto meno negli immediati pressi di una città, dove sono presenti zone industriali, università e zone turistiche.

Per quanto riguarda invece i servizi da offrire quando apriamo una lavanderia a gettoni, è importante sapere, che il lavaggio e l’asciugatura, non potrebbero essere sufficienti per garantire utili. A questo proposito, si può pensare di abbinare al puro servizio di lavanderia, sevizi integrativi come, lavaggio e consegna a domicilio, distributori di bevande e snack e distributori di detersivi. Quest’ultimo punto è di particolare interesse, In quanto i detersivi forniti dalla lavanderia potrebbero essere ad esempio, eco sostenibili, a basso impatto ambientale ecc. Così da incontrare le esigenze di una clientela sempre più attenta a tale tematica.
Per quanto riguarda invece, l’iter burocratico vero e proprio per aprire una lavanderia a gettoni, è tranquillizzante sapere che non è molto complesso, in quanto i requisiti e le regole da rispettare sono poche e i permessi possono essere ottenuti in tempi brevi. Per aprire un lavanderia a gettoni infatti sarà sufficiente:

  • aprire la Partita Iva;
  • registrare la società alla Camera di Commercio;
  • aprire le posizioni INPS e INAIL;
  • presentare la comunicazione di inizio attività al Comune (SCIA);
  • ottenere l’idoneità igienico sanitaria all’ARPA;

Un importante aspetto da conoscere è che una lavanderia a gettoni, non può prevedere l’offerta di servizi correlati come: servizi di sartoria, manutenzione dei capi o stiraggio.
A questo punto non resta che conoscere uno degli aspetti più importanti: quanto costa aprire una lavanderia a gettoni?

Quanto costa aprire una lavanderia a gettoni

I costi per aprire una lavanderia a gettoni, possono variare a seconda delle caratteristiche specifiche di ogni attività, ma dando una stima generale, possiamo dire che costa tra i 25.000 e i 50.000 Euro. Ciò che determina il variare dl costo è sicuramente:

  • l’affitto o acquisto del locale, se sarà di dimensioni, ridotte (30 – 40 mq), si può prevedere un investimento di 25.000 – 30.000 euro, mentre per un locale più grande (fino a 100 mq) i costi potrebbero salire;
  • interventi di manutenzione del locale, se sarà necessaria una ristrutturazione, inevitabilmente i costi saliranno;
  • il numero e la dimensione dei macchinari (lavatrici e asciugatrici) che saranno presenti;
  • i costi di pubblicità e marketing;
  • i costi di pratiche burocratiche.

E importante sapere, che una volta sostenuti i costi di partenza, le spese di una self service si riducono drasticamente, e ciò di solito permette di recuperare l’investimento iniziale in tempi relativamente brevi.
Sembra chiaro ormai, che investire nell’apertura di una lavanderia a gettoni, sia un’idea più che interessante. La versatilità, l’accessibilità dei costi, la semplicità di gestione, e la crescente richiesta sul mercato, ne fanno un’opportunità di business molto allettante.